John Chilembwe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
John Chilembwe

John Chilembwe (* 1871 nel distretto di Chiradzulu / Nyassaland , oggi: Malawi ; † 3 febbraio 1915 nel distretto di Blantyre ) era un ecclesiastico battista e missionario . Era meglio conosciuto come un combattente contro il colonialismo britannico e il fondatore della coscienza nazionale del Malawi. Nel moderno Malawi è considerato un eroe nazionale.

Vita

Chilembwe nacque a Nyassaland, che era stata sotto il dominio coloniale britannico dal 1881. Originariamente apparteneva alla Chiesa di Scozia , che mantenne una serie di stazioni missionarie e istituzioni educative sulla scia della colonizzazione britannica a Nyassaland. Fu qui che John Chilembwe ricevette la sua educazione. Sotto l'influenza dell'allevatore di pecore inglese e libero missionario battista Joseph Booth , per il quale lavorò come domestica dal 1892 e che vedeva nella Chiesa Presbiteriana Scozzese uno strumento religioso di oppressione coloniale, Chilembwe prese le distanze sempre più dalla chiesa nazionale scozzese. Fu particolarmente colpito dal punto di vista di Booth, radicale per l'epoca, secondo cui tutte le persone, indipendentemente dal colore della pelle, dalla cultura e dalla religione, avevano gli stessi diritti.

Nel 1897 John Chilembwe accompagnò il suo datore di lavoro Joseph Booth in un viaggio in Nord America. Decise di studiare teologia lì e si iscrisse al seminario teologico dell'African American National Baptist Convention a Lynchburg . Qui si è occupato intensamente delle opere degli abolizionisti americani , in particolare di quelle di John Brown e Booker T. Washington . Intorno al 1900 tornò in patria come parroco ordinato battista e fondò l'organizzazione missionario-diaconale Providence Industrial Mission nel distretto di Blantyre , che istituì sette scuole. Intorno al 1912 vi studiavano mille giovani e ottocento studenti adulti. Chilembwe ha cercato di rendere il lavoro duro, il rispetto di sé e l'auto-aiuto valori fondamentali nella sua comunità.

.

Il 23 gennaio 1915 , John Chilembwe iniziò una rivolta con duecento sostenitori. Hanno attaccato le piantagioni dove credevano che i lavoratori africani fossero stati oppressi. Chilembwe prevedeva di uccidere tutti gli europei maschi. Tre piantatori bianchi furono uccisi, tra cui William Jervis Livingstone, che fu decapitato davanti a sua moglie e sua figlia. Sono stati uccisi anche alcuni lavoratori africani, ma nulla è stato fatto a donne o bambini per ordine di Chilembwe. La rivolta fallì a causa della mancanza di sostegno. In lettere alle città vicine di Zomba e Ntcheu, Chilembwe ha chiesto che vi fossero rilevamenti simultanei. I suoi appelli non sono pervenuti in tempo ai destinatari. Quando finalmente sono arrivati ​​gli appelli lunedì 25 gennaio, le autorità erano già state informate del piano e le misure frettolosamente prese dai ribelli erano inefficaci. Lo stesso Chilembwe fu ucciso nel tentativo di fuggire in Mozambico il 3 febbraio 1915. Molti dei suoi seguaci furono uccisi anche dalle autorità coloniali britanniche.

) in Malawi .

letteratura

  • Mark Lipschutz, Kent Rasmussen: Dictionary of African Historical Biography . Berkeley 1986 (2a edizione)
  • Articolo: John Chilembwe , in: The New Encyclopedia Britannica . Chicago 1988 (15a edizione)
  • DD Phiri: Let Us Die for Africa . Central Africana Limited, 1999, ISBN 9-99081-417-1
  • Ralph Ewachue (a cura di): Makers of Modern Africa . Londra 1991 (2a edizione)
  • George Shepperson e Thomas Price: Independent African: John Chilembwe and the Origins, Setting and Significance of the Nyasaland Native Uprising of 1915 , Edinburgh University Press, 1967

 - Raccolta di immagini, video e file audio

Prove individuali

  1. Franz JT Lee: il Sud Africa prima della rivoluzione? Fischer Taschenbuch Verlag , Francoforte sul Meno 1973, p. 33
  2. Klaus Fiedler: Power at the Receiving End: The Jehovah's Witnesses 'Experience in One-Party Malawi . In: Kenneth R. Ross: God, People an Power in Malawi: Democratization in Theological Perspective . online su www.books.google.de, Mzuzu 2018, pp. 150–151 (vedere anche BSZ: prove bibliografiche .)
Chilembwe, John