Rivista letteraria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Una rivista letteraria è una rivista che si occupa in modo critico di letteratura o contribuisce anche alla letteratura stampando opere letterarie. Il tema originale delle riviste letterarie del XVII e XVIII secolo era la relazione sull'ultimo lavoro scientifico nel mondo scientifico, la res publica literaria , la comunità scientifica . L'espansione della gamma di argomenti per includere " belles lettres ", "bella letteratura", ha determinato un cambiamento tematico nel corso del XVIII secolo, che ha trasformato drammi, romanzi e poesie in "letteratura in senso stretto". Dall'inizio del XIX secolo, le riviste letterarie moderne si sono concentrate principalmente su scritti di fantasia e poetici (si veda anche la parola chiave storia della letteratura ).

storia

Riviste scientifiche

Rapporti dalle scienze. Frontespizio del Acta Eruditorum tedesca (1712)

Le riviste letterarie erano originariamente orientate alla revisione delle pubblicazioni scientifiche; il loro compito era di fornire informazioni alla comunità scientifica - all'interno della res publica literaria .

, editi a Lipsia , furono pubblicati in latino e francese, affidati alla comunità scientifica internazionale. L'attenzione si è concentrata sui quattro dipartimenti dell'insegnamento universitario (teologia, giurisprudenza, filosofia, medicina). Le scienze naturali facevano parte dell'indagine filosofica. Tra i principali argomenti di dibattito, i temi storici hanno guadagnato un proprio interesse (anche una sottoarea della filosofia), e con essi è stato possibile estendersi particolarmente lontano nella cronaca corrente.

Le riviste erano generalmente rilegate annualmente. I librai fornivano indici allegati con i quali i volumi competevano con i lessici generali .

La recensione e l' estratto possono essere distinti grossolanamente tra le tipologie di contributi; quest'ultimo è un estratto dai passaggi di testo più importanti con numeri di pagina, che in caso di emergenza consente di citare il libro in discussione dalla rivista senza doverlo mai tenere in mano.

furono rivoluzionari qui - si svilupparono in argomenti di interesse oltre la comunità scientifica. Vari fattori hanno causato questo:

  1. il mercato librario europeo del 1680-1730, incentrato sulle pubblicazioni in lingua francese (Paesi Bassi) in tutta Europa, ispirò una cultura del dibattito europea;
  2. la disponibilità dei " giornalisti " (i redattori delle singole riviste) a lasciare la loro area tematica originale e ad includere recensioni delle "belles lettres" nella gamma di argomenti;
  3. la divisione dei compiti tra la rivista secondaria e il campo di osservazione primario: il giornalista si limita a discutere, non è responsabile delle notizie o delle opinioni di cui discute lui stesso, guadagna così la massima libertà in un'espressione di opinione, che controlla principalmente attraverso la scelta dell'argomento; La rassegna dei rapporti dei giornali divenne qui particolarmente interessante - questi apparivano regolarmente senza commenti; Le riviste offrivano commenti senza essere responsabili delle notizie stesse ("riviste politiche" specializzate in questo compito alla fine del XVII secolo);
  4. la modalità di pubblicazione periodica - attraverso di essa il "giornalista" diventa un'autorità la cui opinione può essere seguita per un periodo di tempo più lungo; Lo scambio tra la rivista, il suo pubblico ei fornitori di argomenti è stato creato nel caso interessante, una piattaforma di dibattito.

All'inizio del XVIII secolo, il mercato delle riviste che discutevano di letteratura (le scienze) esplose, soprattutto nei paesi di lingua tedesca: i dibattiti alternativi erano rari qui e il corpo studentesco molto ampio in Germania era un destinatario importante - con esso (solo un piccolo numero di studenti divenne successivamente attiva nella comunità scientifica) la rivista divenne un argomento di ampio interesse generale, di cui si doveva tener conto attraverso un progressivo ampliamento della scelta degli argomenti. Molti di questi giovani studenti e intellettuali hanno scritto per riviste letterarie o anche in seguito hanno curato i propri titoli.

La discussione della "bella letteratura" come nuovo argomento, dal 1750 ad oggi

prima che i campi convergessero in Germania e Francia all'inizio del XIX secolo. Nel giornalismo in lingua inglese, invece, il vecchio argomento di discussione mantenne la sua importanza fino al XIX secolo. C'erano diversi tipi di riviste letterarie, le riviste letterario-critiche o tipi misti, riviste che pubblicavano revisioni e preprint.

Riviste letterarie

Riviste in lingua tedesca

Riviste in lingua straniera

Guarda anche

letteratura