Nicaragua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Repubblica del Nicaragua Repubblica del Nicaragua
Bandiera del Nicaragua
Stemma del Nicaragua
bandiera stemma
Motto : En Dios confiamos
( latino per " In God we trust ") Lingua ufficiale spagnolo capitale Managua Stato e forma di governo Presidente Daniel Ortega la zona 120.254 km² popolazione 6,5 milioni ( 108th ) (2019; stima) Densità demografica 54 abitanti per km² Sviluppo della popolazione +1,2% (stima per il 2019) prodotto interno lordo
  • Totale (nominale)
  • Totale ( PPA )
  • PIL / ab. (nominale)
  • PIL / ab. (KKP)
2019
  • $ 13 miliardi ( 139. )
  • $ 37 miliardi ( 125° )
  • 1.920 USD ( 149. )
  • 5.651 USD ( 139. )
Indice di sviluppo umano 0,66 ( 128° ) (2019) valuta Cordoba Oro (NIO) indipendenza Riconosciuto il 15 settembre 1821
(dalla Spagna )
il 30 aprile 1838 inno nazionale Salve a ti, Nicaragua
festa nazionale 15 settembre Fuso orario UTC − 6 Targa NIC ISO 3166 NI , NIC, 558 TLD Internet .ni Codice telefono +505
Antarktika Vereinigtes Königreich (Südgeorgien und die Südlichen Sandwichinseln) Chile Uruguay Argentinien Paraguay Peru Bolivien Brasilien Ecuador Panama Venezuela Guyana Suriname Kolumbien Trinidad und Tobago Vereinigtes Königreich (Falklandinseln) Frankreich (Französisch-Guayana) Niederlande (ABC-Inseln) Costa Rica Honduras El Salvador Guatemala Belize Mexiko Jamaika Kuba Haiti Dominikanische Republik Bahamas Nicaragua Vereinigte Staaten Kanada Inseln über dem Winde (multinational) Puerto Rico (zu Vereinigte Staaten) Vereinigtes Königreich (Kaimaninseln) Vereinigtes Königreich (Turks- and Caicosinseln) Vereinigtes Königreich (Bermuda) Frankreich (St.-Pierre und Miquelon) Dänemark (Grönland) Russland Island Norwegen Irland Vereinigtes Königreich Deutschland Dänemark Belgien Frankreich Spanien Portugal Spanien (Kanarische Inseln) Marokko Libyen Kap Verde Mauretanien Mali Burkina Faso Elfenbeinküste Ghana Liberia Sierra Leone Guinea Guinea-Bissau Gambia Senegal Tunesien Niger Schweiz ItalienNicaragua nel mondo (centrato sulle Americhe) .svg
A proposito di questa immagine
Modello: Infobox Stato / Manutenzione / NOME-GERMAN
.

Il nome del paese deriva da Nahuatl ( nican 'qui', aráhuac 'popolo'). Altri autori attribuiscono il nome del paese all'incontro del conquistatore spagnolo Gil González Dávila con il cacique Nicarao , avvenuto il 15 ottobre 1523 nei pressi di San Jorge/ Rivas .

geografia

paesaggi

Il vulcano Momotombo
).

I centri e gli insediamenti più importanti del paese si trovano anche sulla costa del Pacifico, mentre le parti orientale e meridionale del paese sono scarsamente popolate. Due grandi laghi interni modellano la geografia: il più grande Lago Nicaragua (Lago Cocibolca) a sud-ovest con diverse isole e il più piccolo Lago Managua a ovest. Il Río San Juan , che forma il confine meridionale del paese e sfocia nei Caraibi, sorge dal Lago Nicaragua .

.

Il punto più alto è il Pico Mogotón al confine settentrionale con 2438 metri.

Il Nicaragua ha due stati confinanti: nel nord dell'Honduras con una lunghezza del confine di 922 km e nel sud del Costa Rica con una lunghezza del confine di 309 km. La lunghezza totale dei confini nazionali è di 1231 chilometri.

Vedi anche
: Parchi nazionali in Nicaragua

Città

Vista di Managua

Le città più grandi sono (al 30 giugno 2016): Managua 1.033.622 abitanti, León 169.362 abitanti, Tipitapa 127.618 abitanti, Masaya 125.824 abitanti, Chinandega 111.256 abitanti, Ciudad Sandino 110.083 abitanti, Estelí 105.709 abitanti, Matagalpa 103.860 abitanti e Granada 100.496 abitanti.

Vedi anche
: Lista delle città in Nicaragua

clima

Diagramma climatico di Managua
Immagine satellitare dell'uragano Mitch
Uragano Mitch

Alla fine di ottobre 1998, l' uragano Mitch infuriò in America Centrale e provocò anche il caos in Nicaragua. Più di 4.000 persone sono morte a causa delle inondazioni e delle frane causate dalle continue piogge. C'è stato un focolaio di epidemie.

Dopo il disastro, c'è stata una vasta gamma di aiuti internazionali e promesse di aiuto. Tuttavia, l'allora governo sotto Alemán ha usato parte del denaro per dare a se stesso e ai gruppi vicini un vantaggio.

Animali selvatici

L'uccello nazionale del Nicaragua: Guardabarranco (turchese brow motmot, Eumomota superciliosa)

La biodiversità in Nicaragua è grande. Nelle foreste pluviali vivono giaguari, puma, ocelot e varie specie di scimmie e rettili come alligatori e serpenti. Ci sono anche una varietà di specie di uccelli, tra cui pappagalli, tucani, pellicani e colibrì.

popolazione

Dati demografici

Sviluppo della popolazione
anno popolazione
1950 1.295.000
1960 1.775.000
1970 2,398,000
1980 3.250.000
1990 4.145.000
2000 5,027.000
2010 5.738.000
2019 6.546.000
Sviluppo demografico in milioni di abitanti
Piramide della popolazione Nicaragua 2016

Circa 6,5 ​​milioni di persone vivono in Nicaragua (dal 2019), di cui circa il 90% vive nella regione del Pacifico e nell'area di Managua. La popolazione è composta per il 69,7% da meticci , il 17,6% da bianchi (per lo più di origine spagnola ). Il 9,2% è di origine africana , il 95% dei quali vive nella regione atlantica, anche se i meticci ei bianchi sono ormai la maggioranza anche lì, con quasi il 59%. Il 3,2% sono indigeni, per lo più Miskito e i gruppi etnici più piccoli Sumo (Mayangna) e Rama , le cui aree di insediamento sono nell'entroterra e sulla costa atlantica. Ci sono anche circa 30.000 arabi (principalmente siriani , libanesi e palestinesi ). C'è una comunità di circa 8.000 immigrati cinesi a Managua  .

le lingue

Lo spagnolo è la lingua ufficiale del Nicaragua ed è parlato da oltre il 97% della popolazione come lingua madre. Altre lingue sono il creolo (inglese caraibico), particolarmente diffuso sulla costa orientale del Nicaragua, e le lingue indiane Miskito . La lingua miskito è la lingua indigena più parlata in Nicaragua. Questo perché la popolazione miskito ha anche il maggior numero di indigeni del paese. Altre lingue indigene sono Sumu (Mayangna), Rama e Garífuna (Igñeri).

religione

Cattedrale di León

Subito dopo che gli spagnoli conquistarono il paese del Nicaragua (intorno al 1530), i missionari spagnoli arrivarono nel paese. Con poche eccezioni, la popolazione indigena si convertì alla fede cattolica, ma vi furono ripetute insurrezioni contro gli spagnoli; Per questo motivo numerosi nicaraguensi furono deportati in Perù, dove dovettero lavorare nelle miniere e nelle miniere in condizioni disumane e la maggior parte di loro morì. Un monaco spagnolo stimò all'epoca che nel paese dovessero vivere poco più di 5000 persone.

(20.000 membri).

li rimproverò pubblicamente durante la sua visita molto nota in Nicaragua nel 1983 e nel 1985 fece di Obando y Bravo il primo cardinale del Nicaragua.

questione di terra

Quando i sandinisti attuarono la loro riforma fondiaria nel 1979 e distribuirono i terreni a piccoli proprietari , cooperative e aziende statali, i nuovi proprietari non erano stati ufficialmente iscritti al catasto. Si dice che i sandinisti si siano dimenticati, ma più probabilmente non volevano perdere il controllo di tante terre. Queste circostanze hanno portato alla grande questione della terra negli anni '90.

la riorganizzazione pianificata della proprietà della terra nel 1997 dopo che si erano verificate grandi manifestazioni e blocchi.

In molti casi, tuttavia, la questione della proprietà rimane irrisolta e i tribunali stanno spingendo Klagenberg davanti a loro. Per chiarire finalmente la situazione, da tempo sono richiesti tribunali agricoli speciali, ma questi non sono ancora stati istituiti. Una conseguenza di questa struttura proprietaria poco chiara è l'esodo rurale .

Vedi anche
: Unión Nacional Agropecuaria de Productores Asociados

migrazione

A causa dell'elevata disoccupazione, in Nicaragua si registra un pronunciato esodo rurale . La capitale Managua è la destinazione più importante. Tuttavia, anche qui la situazione economica non è molto migliore e l' urbanizzazione porta con sé i suoi problemi. Molti sono attratti più lontano all'estero, dove cercano lavoro. Si stima che circa un cittadino su cinque del Nicaragua viva all'estero, principalmente in Costa Rica e negli Stati Uniti . La maggior parte di loro vive e lavora illegalmente lì e, grazie ai trasferimenti ad amici e parenti, sono i principali esattori di valuta estera del Paese.

storia

tempi coloniali

Nel suo quarto viaggio, Cristoforo Colombo sbarcò nell'isola di Guanaja , che appartiene alle Islas de la Bahía dell'Honduras , nel luglio 1502 . Dalla foce del Río Coco , il Cabo Gracias a Dios , seguì la costa del Nicaragua e si ancorò alla foce del Río San Juan per resistere a forti tempeste.

cullava gli spagnoli con il suo battesimo per poi attaccarli sul campo di battaglia con poche migliaia di indigeni.

Qualsiasi resistenza alla sottomissione era vista dai conquistadores come una ribellione, a cui in linea di principio si rispondeva con la guerra e la schiavitù. I popoli economicamente e culturalmente altamente sviluppati dei Pipil , Nicarao e Choroteguas furono rapiti e ridotti in schiavitù, il Nicaragua fu spopolato. Il monaco Bartolomé de Las Casas scriveva nel 1552: “Oggi dovrebbero esserci dai 4.000 ai 5.000 abitanti in tutto il Nicaragua. Era una delle province più densamente popolate del mondo".

Il capitano Francisco Hernández de Córdoba fondò Granada nel 1523 sulla riva nord del Lago Nicaragua e avanzò attraverso il Nicaragua fino all'Honduras per conto di Pedrarias . Quando incontrò persone di Hernán Cortés lì , nel 1526 Pedrarias avvertì il tradimento nel suo stretto confidente, il capo della guardia del suo governatore, e decapitò de Córdoba - proprio come aveva già ucciso suo genero Vasco Núñez de Balboa . Il corpo è stato scoperto durante gli scavi nella primavera del 2000.

Il capitano di Cortés Pedro de Alvarado conquistò il Guatemala e El Salvador dal 1523 al 1535 . Nel 1524 raggiunsero San Salvador . I due domini di Cortés, da un lato, e Pedrarias, dall'altro, si sono scontrati nella regione del Nicaragua/Honduras. Gil González Dávila e Andrés Niño conquistarono l'Honduras nel 1524. Quando il Capitán Dávila, inviato da Pedrarias, sbarcò sulla costa caraibica con la propria Capitulación acquistata in Spagna, fu rimandato in Spagna in catene dal popolo di Corté. A causa della resistenza indigena in Honduras e Panama, i governatori furono insediati direttamente dalla corona spagnola, il Nicaragua fu lasciato a Pedrarias. Una parte significativa della popolazione dell'odierno Nicaragua fu ridotta in schiavitù nel 1538 e deportata nelle miniere d'argento del Perù e della Bolivia.

I Caraibi alla fine del XIX secolo
per il momento non è stato ulteriormente perseguito.

. culminarono con l'inizio della Guerra d'indipendenza nell'intera regione del Pacifico dell'America centrale e meridionale nel 1811/12 e le prime richieste di impeachment del governatore spagnolo sono stati fatti.

indipendenza

Il 15 settembre 1821, il capitanato generale del Guatemala, a cui apparteneva il Nicaragua, proclamò la propria indipendenza dalla corona spagnola. Il berretto giacobino della Rivoluzione francese adorna ancora la sua bandiera sui cinque vulcani del paese. Due anni dopo divenne Province Unite dell'America Centrale, da cui emerse la Federazione Centroamericana che, insieme al Nicaragua, comprendeva Honduras, Guatemala, Costa Rica ed El Salvador.

, che fu abolita nel 1824 . Fu solo nel 1857 che fu sconfitto dall'Esercito Unito degli Stati centroamericani e fuggì.

Squadriglia tedesca davanti a Corinto, marzo 1878. (Disegno di H. Penner. Illustrirte Zeitung del 13 luglio 1878)

Nel 1878 ci fu un intervento militare tedesco in Nicaragua dopo un attacco al console a León, il cosiddetto affare Eisenstuck .

A partire dalla città di Matagalpa , ci fu una rivolta della popolazione indigena nella regione del Pacifico nel 1881. L'innesco è stato la privatizzazione della proprietà precedentemente comune, a seguito della quale sono stati costretti a lavorare salariati o forzati, principalmente nelle piantagioni di caffè in espansione.

. Ai Miskito fu promesso il mantenimento di una serie di privilegi fiscali. Una ribellione militare sulla costa caraibica e la pressione degli Stati Uniti costrinsero il generale Zelaya a dimettersi nel 1909.

Il nuovo presidente conservatore Adolfo Díaz , fino alla sua elezione a contabile di una società mineraria nordamericana in Nicaragua, nel 1911 prese milioni di prestiti dalle banche statunitensi e, come garanzia, lasciò al governo degli Stati Uniti il ​​controllo diretto delle entrate doganali nicaraguensi. Un anno dopo, il governo Díaz dovette essere salvato da un esercito insorto del precedente ministro della Guerra Luís Mena dai marines statunitensi, che sbarcarono in Nicaragua il 14 agosto 1912 e occuparono le città di Managua, Granada e León. I marines rimasero nel paese fino al 1933 e per lo più sostennero il governo conservatore contro i ribelli liberali (vedi anche Guerra Constitucionalista ).

L'ascesa dei Somoza

Chinandega: truppe Usa in marcia
La bandiera del generale Sandino nel 1932
, che erano di stanza nel paese dal 1927 .

Somoza (a sinistra) e Sandino 1933
il paese. Dopo il ritiro degli Stati Uniti, Sandino e le sue truppe deposero le armi. Somoza invitò Sandino e i suoi ufficiali più vicini a un solenne banchetto, durante il quale furono assassinati su sua istigazione il 21 febbraio 1934 (lo stesso Sandino fu colpito alla schiena).

Tre anni dopo rovesciò Somoza contro Sacasa e si fece eletto presidente. Nel 1979, la famiglia Somoza non rinunciò più al comando della Guardia Nazionale, ma fondò invece uno dei più grandi imperi economici dell'America Latina. Ha costantemente ampliato la sua influenza economica nell'economia in via di modernizzazione, soppresso i disordini civili e avviato la ricostruzione del paese, che è stato distrutto da un terremoto nel 1931, in modo tale da poter aumentare notevolmente le sue proprietà in questa occasione. Un altro grande incendio che distrusse la capitale Managua nel 1936 fornì anche un'altra ragione per questo.

Il figlio minore di Anastasio Somoza Garcia, Anastasio Somoza Debayle , fu nominato dal padre nel 1946 al comando della Guardia Nazionale, che era pienamente impegnata negli interessi della famiglia. I conflitti di confine con la Costa Rica nel 1948/49 e 1955 e con l'Honduras nel 1957 furono superati con l'appoggio degli USA. In questo contesto c'è un'operazione di ex Guardie Nazionali che tentarono nel 1948 dal Costa Rica con l'aiuto di parti della Legione Caraibica di porre fine al dominio di Somoza, ma l'operazione era già fallita nella stessa Costa Rica.

Da febbraio a giugno 1954 i mercenari necessari alla CIA nell'ambito dell'operazione PBSUCCESS contro il Guatemala furono addestrati in Nicaragua; i.a. in una tenuta privata a Somoza, El Tamarindo.

Le costituzioni del 1939, 1948 e 1950 legavano l'introduzione del suffragio femminile alla maggioranza qualificata nella legislatura. Il 21 aprile 1955 fu introdotto il suffragio femminile attivo e passivo . Nelle elezioni del 1957, le donne potevano votare per la prima volta sotto gli stessi requisiti di età degli uomini. Dopo la rivoluzione del 1979, tutti i cittadini nicaraguensi di età superiore ai 16 anni hanno avuto il diritto di voto.

Il poeta Rigoberto López Pérez uccise il dittatore Anastasio Somoza García a un banchetto nel 1956 , dopo di che fu fucilato dalle guardie del corpo di Somoza. Il figlio di Somoza, il colonnello Luís Somoza Debayle , divenne presidente e mantenne la carica fino al 1963. Un tentativo del partito conservatore di rovesciare Somoza nel maggio 1959 con i guerriglieri di Olama e Mollejones fallì.

di legni preziosi hanno lasciato tracce profonde e un'enorme area di giungla deforestata nel nord-est come una steppa sterile. Ex 933 km di rete ferroviaria (con una rete stradale di 350 km a quel tempo) delle compagnie di banane e legname caddero in rovina, anche perché Somoza concesse a funzionari "guadagnati" licenze per linee di autobus parallele alla ferrovia, che poi acquistarono autobus da lui, l'agente generale della Mercedes-Benz potrebbe. Oggi ci sono solo piccoli resti di questa rete in condizioni miserabili, che non vengono quasi più utilizzati.

Nel 1961 un esercito invasore di cubani in esilio e mercenari latinoamericani fu costituito sotto la direzione della CIA a Puerto Cabezas sulla costa atlantica, che sbarcò nella Baia dei Porci a Cuba e fu sconfitto dalle truppe cubane.

Nel 1967, Anastasio Somoza Debayle, fino ad allora capo della Guardia nazionale, si presentò alla presidenza come candidato dei liberali per brogli elettorali . I suoi metodi di governo contraddicevano i principi liberali, ma godeva di generosi aiuti economici, finanziari e militari statunitensi. Dopo aver redatto una nuova costituzione con poteri speciali per il presidente e il governo ad interim di una giunta dal 1972 al 1974, è stato rieletto presidente.

Quando un forte terremoto distrusse la capitale Managua il 23 dicembre 1972 e causò la morte di circa 10.000 persone, la famiglia Somoza utilizzò il disastro per il proprio arricchimento: deviarono gran parte del denaro degli aiuti internazionali sui loro conti e i beni umanitari donati furono venduti da le loro aziende e si impadronirono delle industrie edilizie e bancarie che erano fiorite a seguito del disastro. Ancora oggi gran parte del centro cittadino e della cattedrale non sono stati restaurati.

Nonostante il mantenimento di un formale sistema multipartitico, ogni autentica opposizione è stata repressa dalla Guardia Nazionale, i sindacalisti vessati e i piccoli agricoltori cacciati dai loro appezzamenti di terra con l'uso della forza nelle aree deserte del nord-est o del aree remote del sud-ovest prive di accesso al traffico. I conservatori dell'opposizione si sono rivelati inattivi e impotenti. Il suo interesse era concentrato esclusivamente sulle esigenze della sua clientela.

Il sandinista

Innescati dalla corruzione e dall'abuso di potere dello stato da parte del dittatore Anastasio Somoza Debayle , nel 1977 scoppiarono violenti scontri, sfociati nella guerra civile e nell'intero Paese. Il 17 luglio 1979, Somoza fuggì in Florida; il 19 luglio di quell'anno i guerriglieri entrarono a Managua, la Rivoluzione nicaraguense aveva trionfato.

Dopo aver ottenuto il potere, il sandinista condusse una vasta campagna educativa sotto Daniel Ortega . Ciò ha portato a una significativa riduzione del tasso di analfabetismo tra gli adulti e sono state promosse l'arte e la cultura indigene e rurali. L'espressione di ciò fu la nomina del poeta e sacerdote di fama mondiale Ernesto Cardenal a Ministro della Cultura. Furono istituite scuole in tutto il paese, spesso ospitate in semplici capanne; Gli insegnanti sono stati formati in corsi intensivi perché sotto Somoza erano stati messi a disposizione fondi insufficienti per la formazione degli insegnanti. Il sistema sanitario è stato sviluppato, e anche qui è stato possibile istituire reparti ospedalieri nel paese, che per la prima volta hanno distribuito un programma di igiene almeno improvvisato.

Un altro progetto di politica interna è stato lo sviluppo dei diritti delle donne. Questo programma si è basato sulla popolarità delle eroine sandiniste, un processo notevole in Nicaragua, che potrebbe anche aver contribuito al successivo successo elettorale di Violeta Chamorro . Ma il successo mondiale dei libri di Gioconda Belli ( Abitata donna ) Va inoltre ricordato in questo contesto.

Nel 1982, sotto il dominio sandinista , 8.500 indiani Miskito furono costretti a trasferirsi . Hanno dovuto lasciare la regione costiera e sono stati deportati nell'entroterra. Circa 10.000 Miskito sono fuggiti nel vicino Honduras.

Compañía BLI Sócrates Sandino
. C'erano anche unità speciali del Ministero dell'Interno MINT e servizio di volontariato nella Milizia Popolare Sandinista, in cui prestavano servizio decine di migliaia di donne e uomini. L'abolizione della coscrizione estremamente impopolare è stata quindi un tema centrale della campagna elettorale nelle elezioni presidenziali del 1990.

Francobollo della DDR del 1983, MiNr 2834

Il sostegno alla rivoluzione sandinista da parte dei movimenti di sinistra nel mondo occidentale ha raggiunto il suo apice in questi anni, tanto che a volte diverse centinaia per lo più giovani adulti si sono offerti volontari per aiutare con la costruzione e il raccolto.

Gli Stati Uniti è stato condannato a un pagamento di 2,4 miliardi di dollari dalla Corte internazionale di giustizia a L'Aia per le azioni militari e paramilitari in e contro il Nicaragua . Tuttavia, hanno dichiarato il tribunale non autorizzato a giudicare gli Stati Uniti, anche se loro stessi avevano inviato giudici alla corte. In una risoluzione, l' Assemblea generale delle Nazioni Unite ha invitato gli Stati Uniti a conformarsi alla sentenza. Solo Stati Uniti, Israele ed El Salvador hanno votato contro la risoluzione. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno finora rifiutato di effettuare il pagamento in Nicaragua. Invece, hanno aumentato gli aiuti ai contras .

Nel 1988, a seguito dei negoziati di pace tra gli stati centroamericani, l'Accordo di Esquipulas II è stato firmato dai presidenti centroamericani. In questo accordo, i presidenti hanno concordato la smobilitazione di tutte le truppe irregolari, la conversione e il ridimensionamento dell'esercito sandinista e elezioni libere e segrete. Il Nicaragua, che era ancora sotto il dominio sandinista, è stato l'unico stato partecipante che ha rispettato gli accordi. Le successive elezioni del 1990 furono monitorate dalle Nazioni Unite con il consenso del governo sandinista.

Vedi anche
: Contra war