pseudonimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
).

, non è un vero e proprio pseudonimo, come la vera identità di chi l'indossa è generalmente noto. Di regola, non serve a nascondere la propria identità.

Oggi gli pseudonimi vengono utilizzati soprattutto su Internet e nella comunicazione digitale. Tuttavia, Internet di solito non riguarda la pubblicazione di opere significative. Lo scopo di nascondere la vera identità è di solito in primo piano qui.

Oltre agli pseudonimi scelti da una persona stessa, esistono anche casi speciali di pseudonimi utilizzati da altri per una persona specifica. Per lo più questo accade nei media a z. B. per proteggere un informatore o per proteggere la privacy di una persona.

utilizzo

(letteralmente: "pseudonimo"), che oggi è usata raramente.

Alcune persone hanno lavorato tutta la vita sotto uno pseudonimo (ad esempio Friedrich Freiherr von Hardenberg → Novalis , Marguerite de Crayencour → Marguerite Yourcenar ). Per alcuni di questi pseudonimi, l'identità effettiva è sconosciuta o controversa (ad esempio lo scrittore → B. Traven o il pittore → J. Metzler ).

Altri cambiano nome solo per determinati periodi della vita o della creatività o per opere speciali (ad esempio Jasmin Wagner → Blümchen, Agatha Christie → Mary Westmacott, Stephen King → Richard Bachman, Paul Dessau → Henry Herblay). Alcune persone hanno anche nomi di artisti diversi per distinguere tra le diverse opere personali, poiché dovrebbero esprimere qualcosa di diverso (ad esempio Jean Giraud → Mœbius o Gir, Patrick Losensky → Fler o Frank White).

Quando si utilizzano pseudonimi su Internet e nella posta elettronica, ci sono notevoli differenze rispetto agli pseudonimi di scrittori e altri artisti: nel mondo virtuale, chiunque può esprimersi con un numero qualsiasi di pseudonimi. I nomi utente e i soprannomi di tua scelta possono essere facilmente modificati e sono quindi solo vagamente collegati a persone reali.

In linea di principio, chiunque può utilizzare gli pseudonimi, nella vita privata e talvolta anche a livello professionale. In alcune professioni sono comuni gli pseudonimi (ad esempio nei servizi segreti o nella prostituzione ).

Motivi per scegliere uno pseudonimo

Ci sono molte ragioni per usare uno pseudonimo.

Semplificazione o abbellimento del nome

Vantaggi economici

  • Nel XIX e all'inizio del XX secolo, le donne scrivevano spesso con nomi maschili per avere i loro manoscritti con editori: Charlotte Brontë → Currer Bell, Amantine-Aurore-Lucile Dupin de Francueil → George Sand , Mary Ann Evans → George Eliot , Sophie Andresen → S. Wörishöffer
  • Considerazioni tattiche per i giornalisti che scrivono molto: Kurt Tucholsky → Theobald Tiger, Peter Panter; Günther Stern → Günther Anders
  • Il nome di una celebrità viene imitato o copiato per scopi pubblicitari: Mary Ellen Cook → Mary Carey , Nicole Tanja Hilbig → Dru Berrymore , Dale Carnagey → Dale Carnegie

Coltivazione dell'immagine

  • Espressione di determinate caratteristiche, ad esempio gli autori di libri per bambini dell'inizio del XIX secolo hanno spesso nomi positivi: August Lewald → Hans Kindermann, Jakob Glatz → Karl Heinrich Gutmann, Amanda Hoppe-Seyler → Zia Amanda, Heinrich Hoffmann (l'autore di Struwwelpeter ) → Reimerich Kinderlieb ; Ernst Hold (la cui identità è rimasta poco chiara)
  • Desiderio di individualità e originalità: Charles-Edouard Jeanneret-Gris → Le Corbusier , Josef Mahlmeister → Palabros de Cologne
  • La necessità di prendere le distanze da un'immagine che invecchia: Puff Daddy → P. Diddy (entrambi pseudonimi)
  • Un nome dal suono più cosmopolita: Stanisław Władysław Rejment → Władysław Reymont

Evitare gli svantaggi

  • Paura degli scandali: Dominique Aury , in realtà Anne Desclos → Pauline Réage
  • Protezione dalla persecuzione: Aleksander Głowacki → Bolesław Prus , Helmut Flieg → Stefan Heym , Raimund Pretzel → Sebastian Haffner , Mohammed Moulessehoul → Yasmina Khadra
  • Accettazione da parte di terzi di uno pseudonimo: Erich Kästner → Berthold Bürger (per la sceneggiatura del film Münchhausen , 1943)
  • Tutela della tua privacy: Atze Schröder (che intraprende un'azione legale contro l'uso del suo vero nome nei media)
  • Un autore non vuole essere associato a certe opere e nemmeno tenerne le distanze: Søren Kierkegaard
  • Prendendo le distanze dai lavori precedenti orientati verso discutibili direzioni politiche: Kurt Wilhelm Marek → CW Ceram
  • Per non avere successo solo a causa di un nome già noto o per evitare altri fraintendimenti: Michael John Douglas (da non confondere con Michael Douglas , figlio di Kirk Douglas ) → Michael Keaton , Nicholas Kim Coppola → Nicolas Cage , Diane Hall → Diane Keaton , James Stewart → Stewart Granger , Reinhard Mey → Alfons Yondraschek, JK Rowling → Robert Galbraith
  • Evitare l'accusa di autopromozione impropria: James Alfred Wight → James Herriot
  • Separazione tra editoria e attività di authoring: Bernd Brunnhofer → Michael Tummelhofer
  • Tutela della reputazione scientifica: Differenziazione tra opere scientifiche pubblicate con il proprio nome e opere letterarie che compaiono sotto uno pseudonimo: Eva Gesine Baur → Lea Singer

Sfondo biografico

  • Spesso è un residuo di un soprannome scolastico, cioè per abitudine: Johann Caspar Schmidt → Max Stirner , Ernesto Guevara → Che Guevara , Gordon Sumner → Sting
  • Mantenere il nome da sposata dopo il divorzio come pseudonimo: Anna Mae Bullock → Tina Turner
  • Scelta del cognome della madre se il padre era antipatico o sconosciuto: Norma Jean Baker → Marilyn Monroe
  • Scelta del nome del padre: Susanne Uhlen (figlia di Wolfgang Kieling ) → Susanne Kieling
  • Prendere le distanze dai genitori e scegliere il nome di un'altra persona importante con cui relazionarsi: Michel Thomas → Michel Houellebecq (cognome da nubile di sua nonna)
  • La scrittura in una lingua straniera e l'adattamento socio-culturale ad essa: Józef Teodor Konrad Korzeniowski → Joseph Conrad , Henryk Goldszmit → Janusz Korczak

Protezione delle persone nella copertura mediatica

  • Protezione degli informatori dalla persecuzione
  • Tutela della privacy delle vittime di reati
  • Protezione dei delinquenti dall'ostilità che potrebbe mettere in pericolo anche la loro riabilitazione: Muhlis Ari → Mehmet .

Evitare confusione

varie

Quando si utilizzano pseudonimi su Internet, molti dei motivi sopra menzionati giocano un ruolo. Ciò include evitare svantaggi, coltivare la propria immagine e divertirsi con confusione.

Tipi di pseudonimi

→ -ky).

Si parla di un prenonimo quando il nome o più nomi propri sono usati come nome (Jean Paul Friedrich Richter → Jean Paul , Peter Alexander Neumeyer → Peter Alexander ). Un solo nome può essere utilizzato anche dividendolo in un presunto nome e cognome ( Illobrand von Ludwiger → Illo Brand).

Occasionalmente le donne si nascondono dietro nomi maschili con → Clara Gazul).

Un Traduktionym viene creato traducendo il vero nome in un'altra lingua. Ad esempio, i dischi del musicista olandese Ton Koopman (l'olandese koopman significa "uomo d'affari") appare sotto l'etichetta Antoine Marchand - la versione francese di "Anton Kaufmann".

Tra gli studiosi del Rinascimento era comune usare nomi latinizzati o grecizzati , ad esempio Georg Bauer → Georgius Agricola , Gerhard Kremer → Gerhard Mercator , Philipp Schwarzerdt → Philipp Melantone , Theophrastus Bombast von Hohenheim → Paracelsus

Ci sono anche casi in cui è stata aggiunta solo una desinenza latina, specialmente da autori di pubblicazioni scientifiche.

Un geonimo deriva da un nome geografico. Ne sono un esempio il disegnatore eoplauen (ha vissuto a Plauen da bambino), il pittore Georg Baselitz (nato a Deutschbaselitz ), Jürgen von der Lippe (nato a Bad Salzuflen nel distretto di Lippe) e il cantante austriaco Hubert von Goisern (nato a Goisern ) . Theo Lingen ha scelto il suo nome d'arte dopo il luogo di nascita di suo padre. Lo studioso rinascimentale Johann Georg Turmair si faceva chiamare Johannes Aventinus , un riferimento latino al suo luogo di nascita Abensberg .

L' ).

Se lo pseudonimo deve indicare un'intenzione satirica o ironica dell'autore, si parla di un ironico ( Friedrich Theodor Vischer → Deutobold Symbolizetti Allegorowitsch Mystifikinski; Hella von Sinnen ).

Inoltre, c'è l' allonimo , che specifica il nome di un personaggio noto (ad esempio nel caso di Pablo Neruda , che ha preso il nome da Jan Neruda ) e il fraseonimo , che riproduce il nome sotto forma di frase ( per esempio Farin Urlaub ).

Una forma particolare che si incontra spesso nell'industria dello spettacolo è lo in forma di opuscolo. Uno degli esempi più noti è “Dr. Sommer "dalla rivista giovanile BRAVO: originariamente uno pseudonimo dell'autore Dr. med. Martin Goldstein, un team di dipendenti sotto questo pseudonimo ha presto risposto alle domande dei giovani lettori. Ora si parla apertamente del “Dr. Sommer Team”.

Disco in gommalacca con lo pseudonimo di fonogramma Eric Harden della Carl Lindström AG.

Anche le case discografiche hanno usato un concetto simile all'inizio. Un esempio ben noto è il nome dell'artista Orchester Eric Harden , che è stato utilizzato dalla fine degli anni '20 sotto un'ampia varietà di marchi dell'allora più grande produttore discografico europeo, Carl Lindström AG. Eric Harden non era una persona esistente, ma poteva rappresentare qualsiasi orchestra da studio disponibile per le registrazioni richieste. Un altro pseudonimo utilizzato da Carl Lindström AG per molti anni è stato Fred Lustig . Sotto questo nome, il gruppo vendeva vari cantanti pop , come l'allora famosissimo Luigi Bernauer sul suo marchio Odeon .

Un esempio più recente di utilizzo è Bert Brac , uno pseudonimo collettivo per i compositori di musica di accompagnamento dell'etichetta radiofonica Europa . Un esempio con una grande influenza dalla scienza è Nicolas Bourbaki . Un esempio noto dall'industria cinematografica non nasce da considerazioni da parte del produttore, ma da un desiderio di autotutela: registi che sono insoddisfatti di un loro film per vari motivi (ad esempio a causa di forti interventi da parte dei produttori) di solito scegli lo pseudonimo di emergenza Alan Smithee (in diverse grafie) o Thomas Lee.

Gli pseudonimi utilizzati congiuntamente da più autori sono indicati anche come pseudonimi di comunità o pseudonimi collettivi . Un noto esempio è “H. Bustos Domecq”, lo pseudonimo utilizzato da Jorge Luis Borges e Adolfo Bioy Casares per le collaborazioni . I confini tra pseudonimi collettivi e collettivi sono fluidi, ma nel caso di opere individuali create congiuntamente si parlerebbe piuttosto di pseudonimi collettivi, e di una serie che appare sotto uno pseudonimo uniforme, ma i cui singoli volumi hanno autori individuali, più di un collettivo pseudonimo.

Sinonimi

che vengono deliberatamente riformati per soddisfare uno scopo specifico.

Situazione legale

) possono essere inseriti nel passaporto europeo e nei documenti di identità di molti paesi .

Germania

I nomi degli artisti possono essere inseriti nella carta d'identità e nel passaporto . Ciò è stato possibile per molti decenni, fino alla modifica della legge sulla carta d'identità del 1° novembre 2007, che ha abolito la possibilità di registrare i nomi degli artisti. Questo cambiamento nel 2007 ha portato a proteste da parte di artisti e giornalisti che si affidano a pseudonimi per le loro attività professionali. Nel 2008, queste proteste hanno spinto il governo federale a riesaminare la questione se i nomi degli artisti possano essere registrati. Il 18 dicembre 2008 il Consiglio federale ha approvato la legge sulle carte d'identità e sui documenti d'identità elettronici, in cui sono stati resi registrabili anche i nomi degli artisti come regolamento secondario. Secondo l'articolo 7 della legge, la legge è entrata in vigore solo il 1 novembre 2010, questo ha coinciso con l'introduzione della nuova carta d'identità . Fino ad allora, le autorità di registrazione non erano autorizzate a inserire i nomi degli artisti nella carta d'identità. Anche i nomi religiosi sono stati interessati da questo regolamento. Dal 1° novembre 2010 è di nuovo possibile accedere a carte d'identità e passaporti.

legale .

artisti .

Secondo una sentenza del tribunale amministrativo di Berlino del gennaio 2015, le prostitute non possono utilizzare i loro pseudonimi come nome d'arte sulla loro carta d'identità.

Austria

In Austria, ogni persona è libera di utilizzare qualsiasi nome, a condizione che non violi la protezione del nome ai sensi del § 43 ABGB . Uno pseudonimo o un nome d'artista si acquisisce per semplice utilizzo senza la necessità di un ambito di utilizzo più ampio o di una durata più lunga; tutto ciò che serve è che il nome in codice sia diventato noto e notato da una cerchia più ampia, in modo che l'idea del pubblico di una certa personalità sia collegata al suo uso. Dall'introduzione dei nuovi passaporti di sicurezza nel giugno 2006, l'inserimento dei nomi degli artisti nel passaporto non è più consentito.

Svizzera

I nomi di artisti e religiosi possono essere inclusi nel passaporto come "aggiunte ufficiali" in Svizzera. Per l'iscrizione di un nome d'artista “deve essere presentata una richiesta motivata e deve essere dimostrato in modo credibile che tale nome è oggettivamente importante anche nella vita economica e sociale di una persona”.

Nome utente su Internet

).

Al fine di garantire la protezione dei dati personali, il Telemedia Act in Germania prevede un'opzione di anonimizzazione o pseudonimizzazione: "Il fornitore di servizi deve consentire l'uso di telemedia e il relativo pagamento in forma anonima o con uno pseudonimo, nella misura in cui ciò sia tecnicamente possibile e ragionevole. L'utente deve essere informato di questa possibilità."

L'anonimizzazione può diventare problematica se una persona utilizza diverse identità come burattini al fine di ottenere la maggioranza nelle discussioni o nei voti.

Vedi anche
: Pseudonimo su Internet

varie

I messaggeri in bicicletta viaggiano sotto un nick, che originariamente serve anche a rendere la comunicazione radio rapida e facile da capire.

Gli operatori radiofonici CB hanno sempre un soprannome (qui: Skip), anche i camionisti hanno pubblicato questo soprannome su un cartello dietro il parabrezza.

Prevalentemente le squadre a breve termine, specialmente in occasione di eventi sportivi studenteschi, scelgono un nome di squadra.

I piloti dei tempi dei pionieri guidavano le gare sotto uno pseudonimo, spesso uomini facoltosi che potevano permettersi il costoso hobby e che non volevano farsi una cattiva reputazione se fallivano. Due partecipanti al viaggio automobilistico a lunga distanza da Salisburgo a Vienna il 1 e 2 giugno 1900, vale a dire il barone Anton Codelli sotto lo pseudonimo di Karl Findeisen e il direttore di Nesselsdorf e pioniere delle ferrovie Hugo Fischer von Röslerstamm sotto Vorwärts .

Guarda anche

letteratura

  • Manfred Barthel: Lessico degli pseudonimi. Oltre 1000 artisti, copertine e nomi in codice. Econ, Dusseldorf et al. 1986, ISBN 3-430-11178-1 .
  • Edwin Bormann : L'arte dello pseudonimo. 12 saggi letterario-storico-bibliografici. Bormann, Lipsia 1901, (Ristampa: Nabu Press, 2014, ISBN 978-1-293-48809-6 ).
  • Gerhard Dünnhaupt : Cronogrammi e criptonimi. Chiavi segrete per la datazione e la paternità delle opere del polistore Johannes Praetorius . In: Filobiblon. 21, 1977, , pp. 130-135.
  • Wilfrid Eymer: Eymers pseudonimo lessico. Nomi reali e pseudonimi nella letteratura tedesca. Kirschbaum, Bonn 1997, ISBN 3-7812-1399-4 .
  • Felix Philipp Ingold: Sulla poetica dello pseudonimo. In: ders., A nome dell'autore. Fink, Monaco 2004, ISBN 3-7705-3984-2 , pp. 263-299.
  • Holger Scherer: Lo pseudonimo. (= Studi in Giurisprudenza. Volume 101). Kovač, Hamburg 2002, ISBN 3-8300-0699-3 , (anche tesi presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università di Mainz 2002).
  • Hartmut Schöner, Kurt Stöber: Diritto del registro fondiario. (= Manuale di pratica legale. 4). XIII, edizione riveduta. Beck, Monaco di Baviera 2004, ISBN 3-406-51044-2 .
  • Jörg Weigand : pseudonimi. Un lessico. Nomi in codice degli autori della letteratura narrativa in lingua tedesca. 2a edizione migliorata e ampliata. Nomos, Baden-Baden 1994, ISBN 3-7890-3526-2 .
  • Emil Weller : Lessico pseudonimorum. Dizionario degli pseudonimi di tutti i tempi e popoli o elenco di quegli autori che usano nomi falsi. 2a edizione ampliata e migliorata. Coppenrath, Regensburg 1886 (ristampa reprografica: Olms, Hildesheim et al. 1963, ISBN 3-89349-244-5 ).
  • Tilo Werner: pseudonimo. In: Gert Ueding (Ed.): Dizionario storico della retorica . Volume 10, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt 2011, , Sp. 993-997.

Wikizionario: pseudonimo  - spiegazioni di significati, origini delle parole, sinonimi, traduzioni
Wikizionario: alias  - spiegazioni di significati, origini delle parole, sinonimi, traduzioni
Wikizionario: Nome dell'artista  - spiegazioni di significati, origini delle parole, sinonimi, traduzioni

Note a piè di pagina

  1. Vedi pseudonimo su Duden online.
  2. Vedi, ad esempio, queste star si sono date un nuovo nome per la loro carriera TV-media.at 4 agosto 2020, accesso 7 dicembre 2020
  3. Verbale della plenaria (PDF; 2,9 MB) del Bundestag tedesco
  4. josch: I nomi degli artisti sono di nuovo ammessi nel passaporto. In: Frankfurter Allgemeine Zeitung . 14 febbraio 2009.
  5. BGH NJW 1996, 997.
  6. vedere Artur-Axel Wandtke, Winfried Bullinger (ed.): Commento pratico sul diritto d'autore: UrhR. Beck, 2014, ISBN 978-3-406-60882-7 , § 10, numero marginale 52.
  7. Hartmut Schöner, Kurt Stöber: Legge sul registro fondiario. 13a edizione. Monaco 2004, ISBN 3-406-51044-2 , nota a margine 230.
  8. Nessun nome d'artista per le lavoratrici del sesso , tribunale amministrativo di Berlino: numero di fascicolo VG 23 K 180.14, consultato il 30 gennaio 2015.
  9. Giustificazione per il Telemedia Act, BT-Dr.16/3078; Giustificazione della legge sui servizi di informazione e comunicazione, BT-Dr.13/7385, p.21 e segg.
  10. Martin Pfundner: Da Semmering al Grand Prix: lo sport automobilistico in Austria e il suo ... P. 42. Consultato il 27 maggio 2015.