Vicereame della Nuova Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
La Nuova Spagna all'epoca della sua massima espansione (1763); le aree verde chiaro erano de jure parte del vicereame, ma non erano effettivamente sotto il controllo spagnolo.
Mappa della Nuova Spagna, Girolamo Ruscelli , 1561
Mappa della Nuova Spagna, Emanuel Bowen , 1752
.

Nel 1717 il Venezuela fu annesso al vicereame appena fondato di Nuova Granada . Le Isole della Baia furono cedute alla Gran Bretagna nel 1643, alla Giamaica (Santiago) nel 1655 , alle Isole Cayman nel 1670 , a Trinidad nel 1797 e al Belize nel 1798. Nel 1697 la parte occidentale più piccola di Hispaniola ( Haiti ) fu ceduta alla Francia. La pretesa di potere sul territorio di Nootka , che fu scarsamente colonizzato nel 1789 , fu ritirata solo cinque anni dopo su pressione della Gran Bretagna.

Con la Nuova Spagna (centrale e parte del Nord America) e il vicereame del Perù (in Sud America), da cui in seguito furono separati il vicereame di Nuova Granada e La Plata , la Spagna governò de jure su tutta l'America Latina (ad eccezione di Brasile portoghese ).

periodo precolombiano

.

Intorno al 300 aC Iniziò la costruzione di Teotihuacán , che raggiunse il picco intorno al 600 d.C. con una popolazione da 150.000 a 200.000. Diversi popoli, come gli Zapotechi , i Mixtechi e i Maya vivevano nella vasta città . Dopo più di 1000 anni, il potere di Teotihuacan fu spezzato. La città fu probabilmente sconfitta dai Toltechi in una guerra intorno al 750 d.C. e fu saccheggiata. I Toltechi ebbero un ruolo di primo piano in Mesoamerica fino al XII secolo. Ma anche loro furono sconfitti dai Chichimec in una guerra .

Nel 14° secolo, gli Aztechi migrarono dal nord nell'area del Lago Texcoco . Hanno fondato la loro capitale Tenochtitlan su un'isola nel mezzo del lago . All'inizio si assunsero come mercenari con i popoli vicini. Ma molto rapidamente sono saliti al potere dominante in Mesoamerica e hanno soggiogato quasi tutti gli altri popoli. Insieme alle città di Texcoco e Tlacopan , formarono un'alleanza. Gli Aztechi assunsero il ruolo di primo piano in questa Triplice Alleanza.

Fondazione del vicereame

Bandiera della Nuova Spagna
Cuera o draghi di pelle; si vede chiaramente la spessa veste trapuntata da cui prendono il nome questi dragoni.
. Anche l'ereditarietà è stata successivamente abolita.

Fino al 1524, il viceré di "las Indias" era subordinato al Consiglio dell'India (Consejo de Indias) e quindi all'influente vescovo di Burgos Juan Rodríguez de Fonseca . Dopo la sua morte nel marzo 1524, l'imperatore Carlo V ampliò l'organizzazione. È stato convertito in un'istituzione indipendente ed è stato ufficialmente chiamato Real y Supremo Consejo de Indias . Era direttamente subordinato al re ed era inteso come organo di controllo per i viceré e i governatori delle colonie.

Sulla terraferma, Hernán Cortés conquistò l'Impero azteco nel 1521 e fu nominato Governatore Generale della provincia della "Nuova Spagna" fondata nel 1523 da Carlo V , che comprendeva le aree conquistate in America Centrale. Nel 1530, Cortés fu sostituito da Antonio de Mendoza , che arrivò a Città del Messico solo nel 1535 . Mendoza divenne il primo viceré dell'impero appena fondato nel 1535 come "Viceré della Nuova Spagna", che ora comprendeva tutti i possedimenti spagnoli in America, comprese le isole dei Caraibi.

Successivamente altri regni vicereali della Spagna seguirono in Sud America:

amministrazione

Il viceré risiedeva nel suo palazzo a Città del Messico . A lui e al suo apparato amministrativo riferivano i governatori provinciali. L'amministrazione era molto centralizzata.

La magistratura del Vicereame era divisa nei quattro distretti americani delle corti d'appello ( Real Audiencias ) a Santo Domingo (dal 1511), Messico (1527), Guatemala (1543) e Nuova Galizia (1548). Dal 1583 fu istituita a Manila anche un'Audiencia per le Filippine.

Nel 1776 avvennero le riforme di Carlo III. vigente. Introdussero un ulteriore livello di amministrazione, le Intendencias , che assumevano compiti essenziali che erano stati precedentemente con il Viceré o le Audiencias. Inoltre, le aree remote e poco sviluppate a nord della colonia furono separate dal vicereame come Provincias Internas e poste direttamente sotto il re fino al 1786. Ciò includeva ciò che ora è Coahuila , Texas , Nuevo León , Sonora , Sinaloa , California e New Mexico .

il confine e combattere gli indiani al confine settentrionale del Messico . Questa forza fu incorporata nell'esercito nazionale messicano dopo che il Messico ottenne l'indipendenza e si sciolse a metà degli anni 1840.

attività commerciale

Nel 1503 fu creato il sistema dell'encomienda . Qui, ai conquistadores furono date grandi proprietà con tutti gli indigeni che vivevano su di esse per l'amministrazione. Questi indiani erano chiamati Naborios , secondo la legge non erano schiavi . In pratica, potrebbero essere costretti a svolgere un lavoro non retribuito. Poiché non appartenevano al feudatario chiamato Encomendero, non se ne assumeva alcuna responsabilità. Formalmente, l'encomendero per la protezione e l'evangelizzazione degli indiani dovrebbero preoccuparsi, ma nelle miniere d'argento e sulla canna da zucchero - piantagioni sono stati spesso sfruttati a morte. All'inizio, le encomiendas venivano date solo per una generazione. Quindi non potevano essere trasmessi alle generazioni successive. Tuttavia, ciò è cambiato dopo una rivolta.

Negli anni 1542/43 furono emanate le Leyes Nuevas (le "nuove leggi") per proteggere la popolazione indiana. Soprattutto nelle aree remote, le nuove leggi potrebbero fare ben poco per cambiare il trattamento da schiavi degli indiani. In pratica, il sistema dell'encomienda è stato semplicemente continuato, perché le violazioni spesso non sono state penalizzate affatto o solo in minima parte.

L'interesse economico primario della madrepatria Spagna era lo sfruttamento delle risorse minerarie americane. L'oro e l'argento venivano estratti nelle miniere e spediti in Europa sotto forma di moneta.

.

Il commercio tra la Nuova Spagna e altri paesi era strettamente limitato: le merci dall'Europa potevano essere inviate da Cadice a Veracruz solo attraverso la rotta stabilita ed erano soggette a tariffe e restrizioni elevate. Le colonie spagnole d'America potevano intervenire solo dopo le riforme di Carlo III. commercio alla fine del XVIII secolo.

Fine del vicereame

Vicereame della Nuova Spagna 1819

In termini di politica estera, la Nuova Spagna è stata modellata per molti anni dalla competizione tra Spagna e Inghilterra per la supremazia nei Caraibi . Con l'indipendenza degli Stati Uniti nel 1776, questa struttura di potere iniziò a muoversi e anche tra i messicani crebbe l'idea di una struttura statale indipendente dalla madrepatria.

responsabilità. L'alta borghesia spagnola nella Nuova Spagna era divisa: le forze strettamente conservatrici si rifiutavano di prendere l'iniziativa e attendevano con insistenza gli ordini legittimi del re incapace. Riformisti e liberali hanno visto la necessità di agire e di continuare a gestire la colonia amministrativamente e politicamente sotto la propria responsabilità. Lo spettro andava dai pragmatici che volevano solo una soluzione provvisoria fino al ritorno del re legittimo, ai radicali per i quali l'obiettivo era la completa indipendenza dello stato americano dall'Europa.

dimise. Nel 1814 Ferdinando tornò in Spagna dall'esilio, abrogò la costituzione e governò in modo assoluto; militarmente, il movimento per l'indipendenza è stato soppresso per il momento.

La fine del dominio coloniale spagnolo arrivò con la rivoluzione liberale del 1820 in Spagna. L'unità delle potenziali forze in Messico si disgregò in un campo liberale e assolutista, e la mancanza di legittimazione del potere governativo fece crescere i sostenitori dell'indipendenza. La resistenza divampò di nuovo sotto Vicente Guerrero . Quando il colonnello Agustín de Iturbide disertò con la maggior parte delle truppe monarchiche a fianco dei ribelli nel febbraio 1821, la guerra fu decisa militarmente. Gli spagnoli possedevano solo poche città e l'ultimo viceré de facto, Juan O'Donojú , inviato dal governo liberale , riuscì solo a suggellare l'indipendenza del Messico nel Trattato di Cordoba del 24 agosto 1821. Lo stato successore fu l' Impero del Messico (1821–1823) .

Altre parti dell'ex Vicereame - come le Filippine e Cuba - rimasero sotto il dominio spagnolo; i governatori hanno riferito al ministero d'oltremare a Madrid.

Guarda anche

letteratura

  • Klaus-Jörg Ruhl e Laura Ibarra García: Piccola storia del Messico. Dai primi giorni ad oggi . 2., aggiornato Ed., CH Beck, Monaco di Baviera; Beck 2007, ISBN 978-3-406-42166-2 .

 - Raccolta di immagini, video e file audio

Osservazioni